Il grido dall’allarme delle concessionarie d’auto: “La metà rischia di chiudere”

Il presidente della sezione di Confindustria Confalonieri.

Lunedì prossimo 4 maggio riaprono anche le concessionarie auto per offrire i consolidati servizi di qualità, trasparenza, affidabilità e sicurezza. In quale scenario e con quali prospettive? Luca Confalonieri è il presidente della Sezione Metalmeccanici-Auto di Confindustria Centro Nord Sardegna, a cui fanno capo le principali concessionarie delle province di Sassari e Oristano. “La nostra categoria è devastata, nel nostro territorio rischiamo a fine anno di trovarci con più della metà delle concessionarie auto chiuse”, afferma.

Il comparto automotive e concessionarie auto in questi mesi di lockdown per l’emergenza Covid-19 è rimasto chiuso al 95 per cento. È restata attiva solo la rete di assistenza. Per il centro nord Sardegna i numeri parlano di circa 300 dipendenti diretti e 400 dipendenti indiretti, per un fatturato di 200 milioni di euro. Un grido d’allarme che deve giungere alle istituzioni regionali e locali per un’immediata azione-reazione. “Deve essere chiaro: non siamo disponibili a essere considerati un bancomat. L’emergenza in atto necessita di reazioni immediate da parte dei decisori politici e la Regione non può permettersi di attendere il Governo. Ecco perché chiediamo che l’economia riparta”, afferma Confalonieri.

Senza interventi e sostegni finanziari immediati il tracollo è dietro l’angolo, con una scia inevitabile di mancate risorse per i lavoratori, le famiglie, le amministrazioni. “In questo momento manca il mercato vero. Veniamo tra l’altro da un 2019 non certo favorevole. Inoltre, i primi mesi del 2020 avevano già segnato un calo fino al 30 per cento, che con l’emergenza della pandemia è schizzato prima all’80 per cento e poi in aprile al 95 per cento per la chiusura da lockdown. Un aiuto adesso potrebbe arrivare dal settore delle auto elettriche, ma servono incentivi”, prosegue. 

Da qui l’appello alle istituzioni. “L’atteggiamento nei nostri confronti deve cambiare radicalmente – è la posizione del presidente della Sezione Metalmeccanici-Auto di Confindustria Centro Nord Sardegna –. Due principalmente possono essere le linee di intervento. Innanzitutto, aiuti al mercato: se non c’è reddito e potere d’acquisto si blocca tutta la filiera diretta e indiretta. E poi un sostegno sulla liquidità delle aziende per sostenere i costi fissi che rimangono purtroppo tali mentre il mercato precipita”.

(Visited 712 times, 1 visits today)

Note sull'autore