Posidonia spiaggiata ad Alghero, polemiche sulla proposta di legge

Per la deputata Deiana la proposta è totalmente inadeguata.

“La proposta di legge presentata dai consiglieri regionali del Psd’Az Mula, Lancioni, Satta, Usai e Maieli, circa le disposizioni sulla gestione della Posidonia spiaggiata, è totalmente inadeguata e non risponde alle esigenze dei Comuni”.

Così la parlamentare algherese, Paola Deiana, commenta la proposta dei consiglieri di Maggioranza, su un tema delicato che ha sempre visto un impegno costante della deputata. Un lavoro che ha portato i suoi frutti. Infatti, grazie a un emendamento della portavoce del Movimento 5 Stelle in commissione Ambiente, inserito nella legge ‘salva mare’, la preziosa pianta marina che si accumula sulle spiagge sarà davvero considerata e trattata in modo corretto.

“Mi rammarica che, a prescindere dagli schieramenti politici – dice Paola Deiana -, non sia stata contattata per uno scambio di pareri su una materia tanto delicata e complessa. Anche perché, credo fortemente che certi risultati si ottengano attraverso la sinergia di tutte le forze in campo”.

“Nel testo di questa proposta di legge c’è scritto tutto ciò che noi stiamo evitando, che i Comuni e gli esperti non vogliono e ci hanno chiesto di modificare – spiega la deputata -. Non stanno suggerendo nulla di nuovo, anzi, riproponendo la mala gestione di questo bene prezioso, i cui effetti disastrosi sono stati sotto gli occhi di tutti. Emblematico il caso della città di Alghero”.

“Con il mio emendamento – sottolinea la parlamentare – insieme alle altre biomasse vegetali spiaggiate, questa pianta potrà essere rimessa in natura, anche mediante l’affondamento in mare o il trasferimento nell’area retrodunale o in altre zone comunque appartenenti alla stessa unità fisiografica, salvaguardando il giusto recupero di sabbia e altri materiali di origine antropica”. 

(Visited 346 times, 1 visits today)

Note sull'autore