Violenza sulle donne, in Sardegna raddoppiano le denunce e le vittime

La crisi sanitaria accentua il fenomeno della violenza sulle donnne.

Secondo i dati Istat in Sardegna le donne che si sono rivolte al numero antiviolenza 1522  rispetto allo stesso periodo del 2019, sono raddoppiate; stesso aumento si è registrato anche per il numero delle vittime della violenza.

La crisi sanitaria ha accentuato il problema, anche perché le convivenze forzate fanno crescere in misura esponenziale le violenze sulle donne che si verificano soprattutto tra le mura domestiche.

“E’ inaccettabile che ancora nel 2020 dobbiamo assistere con orrore all’aumento del  fenomeno della violenza sulle donne, una vera e propria piaga per l’intera società. Quest’anno il 25 novembre assume un significato ancora più allarmante a causa del Covid: in Sardegna le denunce e le vittime di violenza, nel periodo marzo – aprile durante il lockdown sono  raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2019”. Il presidente del Consiglio regionale Michele Pais,  in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, esprime solidarietà a tutte le vittime di violenza fisica e psicologica e cordoglio a chi   ha perso la vita a causa di questo fenomeno che sembra inarrestabile anche nella nostra Isola.

“Il Consiglio regionale della Sardegna – ha detto il Presidente Pais – respinge con determinazione questo fenomeno strutturale che coinvolge l’intera società. La  violenza sulle donne non è solo una violazione fisica  o della psiche: è per prima cosa una violazione della dignità. Quando c’è violenza, di qualunque genere essa sia, manca la base della convivenza civile: il rispetto della persona e l’amore che deve legare gli esseri umani”.

Domani sulla pagina del sito del Consiglio regionale e sulle pagine social, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in segno di partecipazione e solidarietà,  comparirà una banda rossa con la scritta #25 novembre, il Consiglio regionale della Sardegna contro la violenza sulle donne.  

Condividi l'articolo