Autocertificazione, mezzi di trasporto e spostamenti, cosa cambia in Sardegna dal 4 maggio

Cosa cambia in Sardegna dal 4 maggio.

E’ possibile spostarsi senza autocertificazione? Si può raggiungere la seconda casa? Sono le domande più recenti che circolano a Sassari e in Gallura tra amici e soprattutto sui social dove corrono di bocca in bocca e di bacheca in bacheca.

Per quanto concerne gli spostamenti resta il divieto di trasferirsi o spostarsi, sia con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una Regione diversa da quella in cui ci si trova. Fatto salve per ragioni di salute, di lavoro o di assoluta urgenza. Lo spostamento tra regioni, tuttavia, è ammesso per fare rientro alla propria residenza, al proprio domicilio o alla propria abitazione.

Restano vietati gli assembramenti di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, ma si potranno frequentare parchi e giardini pubblici nonché effettuare attività sportiva individuale anche non in prossimità della propria abitazione. Divieto assoluto anche per l’organizzazione di feste pubbliche e private, anche nelle abitazioni personali.

I super nonni di Sassari raccontati dai nipoti che sperano di abbracciarli presto dopo il coronavirus.

In qualsiasi giorno della settimana resta vietato ogni spostamento dalle abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza, salvo che per ragioni di necessità o lavoro.

Ma concretamente, quando è possibile spostarsi? All’interno della regione in cui ci si trova alle condizioni principali che sono le esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Stesso discorso quando ci si trova all’esterno della regione. I motivi di lavoro, ovviamente, dovranno giustificare lo spostamento fuori regione e dovranno essere caratterizzati dall’assoluta urgenza. In tutti i casi e per ogni ragione, gli spostamenti dovranno essere accompagnati dall’autocertificazione.

(Visited 20.313 times, 1 visits today)

Note sull'autore