Compra un motore su internet e non lo riceve: imprenditore gabbato

L’indagine della polizia di Ozieri.

Continua l’attività della polizia di Stato contro i reati informatici, che nei giorni scorsi ha denunciato tre persone per truffa e riciclaggio. La vicenda vede protagonista, un imprenditore locale, il quale accede ad una piattaforma internet per l’acquisto di un motore per un veicolo di lavoro, che dopo aver fornito tutte le informazioni richieste, viene convinto dal venditore all’invio della somma, quantificata in un migliaio di euro, per la spedizione del bene.

Anche in questo caso l’oggetto acquistato non verrà mai recapitato all’acquirente. L’attività investigativa, ha permesso agli agenti del Commissariato di Ozieri di raccogliere elementi ritenuti sufficienti per denunciare in stato di libertà un uomo campano di 40 anni, con precedenti specifici, per il reato di riciclaggio. 

La polizia di Stato invita tutti i cittadini a porre particolare attenzione e precauzione in qualsiasi tipo di compravendita, soprattutto in rete, segnalando immediatamente, presso i propri uffici denunce, eventuali fattispecie delittuose.


(Visited 453 times, 1 visits today)

Note sull'autore