Fanghi sospetti dal potabilizzatore di Pedra Majore, il caso in Regione

Le dichiarazioni del capogruppo M5S Manca.

“Nello svolgimento del mio mandato ho chiesto di poter visionare e quindi effettuare un sopralluogo nell’impianto di potabilizzazione di Pedra Majore. Un importante impianto di potabilizzazione che serve tutto il territorio dell’Anglona fino ad arrivare in Gallura. Inaugurato nel 2007 e che in teoria doveva essere tecnologicamente all’avanguardia, in pratica versa in condizioni ben differenti: sono numerosi e di diverso tipo i disservizi che mi sono stati segnalati, tra cui lo sversamento di fanghi nei terreni attigui con grave rischio di inquinamento ambientale. A giudicare dalle immagini inquietanti, quasi allarmanti, l’impianto sembrerebbe completamente abbandonato, privo dei dovuti controlli ed interventi di manutenzione e in condizioni igieniche precarie. I sistemi tecnologi che dovevano gestire in automatico le fasi di potabilizzazione, inoltre, non funzionano più da anni”.

“Le condizioni di evidente trascuratezza dell’impianto di Pedra Majore sono inquietanti considerando che l’acqua che sgorga da quelle condotte arrugginite e infangate viene bevuta dai cittadini. Esistono tutti i presupposti per ottenere l’autorizzazione ad un sopralluogo urgente, ciò nonostante i dirigenti di Abbanoa non hanno ancora risposto alla richiesta che ho presentato circa un mese fa”.

Questo l’accorato appello della capogruppo del M5S Desirè Manca alla Regione, ancora in attesa di risposte da parte del gestore idrico della Sardegna.  

“Com’è possibile – chiede Desirè Manca – che dopo aver speso più di 21 milioni di euro di fondi pubblici per la realizzazione di questo impianto, nato come uno dei più moderni del Nord Sardegna, sia stato abbandonato in queste condizioni di incuria più totale?

“È necessario poter garantire la sicurezza sia della potabilità dell’acqua sia della salvaguardia dell’ambiente circostante”.

(Visited 269 times, 1 visits today)

Note sull'autore