“Lavoro al primo posto. La mia candidatura un banco di prova per le altre elezioni”

Il candidato di Pd e Movimento 5 Stelle Corda.

Lorenzo Corda è il candidato del Partito Democratico e Movimento 5 Stelle alle elezioni suppletive per il Senato che coinvolgeranno la provincia di Sassari e Nuoro il prossimo 20 e 21 settembre. Padre di 3 figlie, ha 59 anni ed è docente in un istituto superiore di Sassari. Esperto in edilizia pubblica, gestione del territorio e sicurezza sul lavoro è presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Sassari e si propone a rappresentare il vasto territorio del nord Sardegna al Senato.

Corda, lei è il frutto dell’intesa tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Un’intesa non semplice. Perché ha accettato la candidatura?

“L’accordo è molto più ampio, e riguarda anche i Progressisti Sardi, Demos, Centro Democratico e Articolo 1 – Leu. Quindi l’articolazione è quella governativa. Quando è stato fatto l’accordo per questo nuovo progetto è stata interessata tutta la compagine, ma la parte che attiene a Renzi, ovvero Italia Viva, non ha aderito. Ho accettato per il semplice motivo che si tratta di un progetto molto ampio e riguarda idee non funzionali alla sola elezione, ma riguarda poi eventuali interessi che possono influire positivamente sulla Sardegna, sia per le prossime amministrative come le restanti tornate elettorali“.

Quali sono i programmi e le iniziative che vorrebbe portare avanti nell’interesse del territorio?

“Le iniziative sono semplici e contemporaneamente complesse. Il lavoro, con gli effetti del lockdown, hanno determinato un rallentamento di alcune attività. Il crollo dei fatturati, in altre, e soprattutto i comparti oggi non tutelati che sono in difficoltà totale. Cito ad esempio quello del comparto editoria, nella parte legata ai libri e alla cultura in generale. Da chi si occupa di spettacolo, a tutti gli artisti e il mondo che ruota intorno a loro come i registi e i manager fino al comparto sicurezza. Poi ci sono i giovani, il mondo a cui mi rivolgo particolarmente poiché si trovano in difficoltà a causa della distanza crescente con il mondo del lavoro e dalle loro competenze”.

“Il coronavirus come un’influenza”, bufera sulle parole del candidato Doria

La spaccatura nel centrosinistra ha fatto sì che vi fosse un’altra candidatura, quella dell’avvocato Marras. Pensa che questa divisione potrà sottrarvi voti?

“Non guardo gli altri. Posso garantire che Italia Viva è stata contattata per far parte della nostra coalizione. Non ho nessuna paura, né ritengo che possa rubare voti in senso stretto. Perché è una candidatura che si muove già dentro un mondo ben definito e inquadrato con trasversalità che si possono cogliere sia a destra che a sinistra”.

Da mesi la sanità sarda è in emergenza, visto che è impossibile effettuare qualsiasi tipo di visita specialistica. Quali soluzioni per il ritorno alla normalità?

“Non è mia competenza, ma la misura della situazione l’ha data lei stesso. Non sta a me dirlo, poiché la Regione è retta da un governatore che in queste settimane si sta dedicando a sponsorizzare un candidato. Bene farebbe, invece, a dedicare il tempo a risolvere i problemi”.

(Visited 1.418 times, 1 visits today)

Note sull'autore