In ripresa il mercato immobiliare in Sardegna, la provincia di Sassari è la più cara per comprare casa

Il mercato delle case in Sardegna.

Il 2022 si apre in maniera molto positiva per il comparto delle compravendite in Sardegna: nei primi tre mesi dell’anno la domanda è cresciuta di 18 punti percentuali e i prezzi medi delle abitazioni in vendita sono aumentati dello 0,5%. Quest’ultimo valore tende alla stabilità mentre diminuisce lo stock in offerta, (-8,6%), a dimostrazione di un mercato immobiliare in buona salute. Questa è la maggiore evidenza dell’Osservatorio trimestrale sul mercato residenziale sardo di Immobiliare.it, il portale immobiliare leader in Italia, a cura di Immobiliare Insights.

Per quanto riguarda il comparto delle locazioni il 2022 si apre con un significativo aumento dei prezzi (+6,8%) e una corrispondente diminuzione delle abitazioni disponibili sul mercato (-4%), ma anche della domanda che scende di 8,6 punti percentuali.

I trend delle compravendite per città e province.

Nelle città sarde e nelle loro province la tendenza dei prezzi nell’ultimo trimestre è stabile. L’unica eccezione è rappresentata da Oristano, dove in città si segnala una crescita di 5,6 punti percentuali, mentre la provincia si conferma stabile (+0,4%). La provincia di Sassari è quella in cui acquistare un’abitazione costa di più: qui bisogna mettere a budget 2.538 euro/mq, mentre in città si registrala perdita percentuale più alta pari a 1,7 punti percentuali. Nella provincia del Sud Sardegna, laddove si registrano prezzi che sono tra i più bassi della regione, si riscontra anche la presenza di uno stock decisamente in calo (-25,6%). Sassari fa molto bene anche in termini di domanda: il capoluogo registra infatti l’incremento di richiesta di immobili in vendita più alto della regione (+37,9%).

I trend nel comparto delle locazioni.

Sul fronte delle locazioni, i canoni medi richiesti sono cresciuti quasi ovunque ma anche in questo caso ci sono delle eccezioni. Si tratta nel dettaglio della provincia di Nuoro (-8,3%) e della città di Sassari (-2,9%). Per quanto riguarda la provincia di Sassari invece, non solo si conferma la più cara, con una media euro/mq di 14,1 euro, ma questo accade anche a fronte di un aumento di più di 8 punti percentuali. Come nel caso del trend regionale, anche nelle diverse città e province, o almeno in quasi tutte, gli stock di immobili sul mercato sono diminuiti nonostante la diminuzione anche dell’interesse verso gli immobili in affitto nelle città sarde. L’unica eccezione è rappresentata dalle province in cui invece l’interesse è notevolmente aumentato superando quasi ovunque i 20 punti percentuali.

Condividi l'articolo