Tenta di stuprare 20enne in centro a Sassari, ai domiciliari

violenza Sassari

Tentata violenza in centro a Sassari.

Avrebbe cercato di stuprare una sconosciuta in pieno centro a Sassari, salvata solo grazie all’arrivo di un passante. Il gip del Tribunale di Sassari, raccolte tutte le prove, ha convalidato questa mattina gli arresti domiciliari di un italiano di 46 anni, accusato di tentata violenza sessuale.

L’aggressione sarebbe avvenuta alle 20 del 23 gennaio, in piazza Sant’Apollinare, quando l’uomo, di origine piemontese, si è avventato contro una sconosciuta di 20 anni, prima proferendo parole volgari e poi palpeggiandola pesantemente. In seguito, il 46enne avrebbe cercato di strattonarla e gettarla a terra per trascinarla in un luogo appartato per consumare lo stupro. Le urla della ragazza hanno attirato l’attenzione di un passante, che lo ha dapprima bloccato mentre altri hanno chiesto aiuto a una volante della polizia che passava in zona.

L’uomo, difeso dall’avvocata Annamaria Ajello, si è avvalso della facoltà di non rispondere e il giudice ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari. L’arresto è avvenuto in flagranza e l’aggressore, che non sarebbe nuovo per reati a sfondo sessuale, dovrà rispondere per violenza sessuale.

Condividi l'articolo