A Sassari Consiglio comunale senza barriere, sottotitoli per i non udenti

A Sassari Consiglio comunale senza barriere.

I consiglieri del Partito Democratico di Sassari hanno proposto, nel corso dell’ultimo Consiglio comunale, di mettere in atto tutte le azioni che avviino un percorso per la promozione dell’inclusione a sostegno delle persone con disabilità uditiva durante le sedute del Consiglio. Ciò prevedendo la partecipazione di un interprete della lingua dei segni.

“La LIS (Lingua dei Segni Italiana) è la lingua usata dalle persone sorde e non udenti appartenenti alla Comunità Sorda Italiana ed è un sistema comunicativo che sfrutta il canale visivo-gestuale e che il lessico delle Lingue dei Segni permette di esprimere qualsiasi concetto, concreto e astratto – ha affermato la consigliera Carla Fundoni -. È una lingua espressione della cultura e delle tradizioni di una vera e propria minoranza linguistica, inserita in una maggioranza udente, ma ben distinta da essa. È perciò doveroso creare le condizioni per abbattere le barriere che impediscano a tutti i cittadini di poter essere partecipi delle scelte e delle decisioni che le pubbliche amministrazioni assumono”.

Secondo la consigliera Fundoni, che ha firmato la mozione insieme ai consiglieri Giuseppe Masala, Fabio Pinna e Giuseppe Mascia, occorrono maggiori sollecitazioni per colmare un gap che vede di fatto esclusi i cittadini affetti da disabilità uditiva, alla possibilità di partecipare fattivamente alle sedute del Consiglio comunale di Sassari.

La maggioranza del Comune di Sassari va in crisi su un’ordine del giorno presentato da Andria

Piccata la risposta giunta a stretto giro di posta dall’assessore ai Servizi sociali, Antonello Sassu: “Nel mandato del 2005 feci la medesima proposta ritenendo necessaria l’eliminazione delle barriere rispetto alla comunicazione tra gli udenti e le persone sorde. Allora non venne presa in considerazione e, nella consiliatura successiva, presentai una mozione identica a quella della Fundoni che venne anch’essa bocciata. Venne proposto che, alle riprese televisive, fosse accompagnato uno del Lis e ancora una volta fu bocciata“. Poi l’affondo: “Onestamente la proposta fatta oggi non la trovo in linea con ciò che è accaduto dal punto di vista tecnologico. Non tutti nascono sordi e hanno avuto modo di partecipare ai corsi sulla lingua dei segni. Sarebbe più utile utilizzare i sottotitoli, come si fa con la televisione“.

Al termine della discussione, la consigliera Fundoni ha stralciato la parte sul Lis dicendosi favorevole ai sottotitoli. Soprattutto se a costo zero per l’amministrazione comunale. La mozione, infine, è stata votata ad ampia maggioranza.

(Visited 391 times, 1 visits today)

Note sull'autore