A Sassari nuove aperture del Punto Città per il rilascio della carta d’identità

Il rilascio della carta d’identità a Sassari.

L’Amministrazione comunale di Sassari ha programmato tre nuove aperture straordinarie degli uffici di Punto Città, esclusivamente per il rilascio della carta d’identità elettronica per sabato mattina, 11 dicembre, dalle 8 alle 13, e per due pomeriggi: il 15 dicembre e il 29 dicembre, dalle 15 alle 18. Con queste aperture straordinarie si prevede il rilascio di 168 carte di identità elettroniche.

Saranno ricevuti soltanto gli utenti con appuntamento, che dovrà essere preso inviando una mail a [email protected], dalle 12 alle 13.30 di giovedì 9 dicembre. Le richieste pervenute prima o dopo tale termine non saranno prese in considerazione. Nell’oggetto della comunicazione dovrà essere indicato “Richiesta rilascio Cie” e nel testo dovranno essere presenti il nome e cognome dell’utente interessato e un recapito telefonico. Le prenotazioni saranno accolte in ordine di arrivo e fino al raggiungimento del numero previsto nelle tre giornate di apertura straordinaria. Le persone che rientreranno nell’elenco saranno ricontattate (via mail o telefonicamente) per la conferma della data e dell’ora.

Per il rilascio del documento è necessario portare con sé la vecchia carta d’identità o la denuncia di smarrimento o furto della precedente carta e una fotografia formato tessera recente, oltre alla tessera sanitaria (codice fiscale). Per i minorenni è necessaria la presenza di entrambi i genitori, o di chi ne fa le veci, muniti di documento di riconoscimento valido. L’assenso potrà essere anche acquisito con la presenza di un solo genitore in possesso del modulo di assenso firmato dal genitore assente (scaricabile qui) e allegando la fotocopia della relativa carta d’identità.

Il costo della CIE è di euro 22,21 nel caso di primo rilascio, di rinnovo per scadenza o di richiesta di duplicato a seguito di furto, e di euro 27,37 nel caso di rilascio a seguito di smarrimento o deterioramento. Sono ammessi soltanto pagamenti in contanti.

Condividi l'articolo