Manca il pediatra a Porto Torres, caos anche sulla scelta del medico di base

La scelta del pediatra a Porto Torres.

Da giorni l’Azienda sanitaria locale di Sassari ha cercato di illustrare alla popolazione la procedura per la scelta del nuovo pediatra che si sarebbe insediato nella giornata di ieri. La scelta precedente a tale data non sarebbe stata possibile, in quanto il codice identificativo, indispensabile per avviare le procedure, così come previsto da contratto, gli sarebbe stato assegnato solo nella giornata di presa di servizio con contratto da titolare, cioè ieri. Chi si è presentato nelle giornate precedenti, quindi, come è stato spiegato dagli uffici, è dovuto tornare a casa in quanto ancora il medico non era in possesso del codice identificativo, per questo si è più volte ribadito che la scelta del pediatra a Porto Torres si sarebbe potuta fare a partire dal 18 gennaio.

Per evitare lunghe file d’attesa nel poliambulatorio di Andriolu, la Asl ha fornito alla popolazione tutti gli orari degli Uffici scelte e revoche del Distretto di Sassari in cui potersi recare per effettuare la scelta del Pediatra a Porto Torres, privilegiando l’invio della documentazione via mail che, a differenza di quanto dichiarato da qualcuno, verranno evase esattamente come le pratiche presentate in presenza allo sportello. Se gli uffici aprivano alle 8:30, sono state più volte precisati orari di apertura e chiusura, gli operatori della Asl non possono certo entrare in merito a scelte personali che hanno spinto qualcuno a mettersi in fila alle 5 del mattino, quando gli uffici erano chiusi.

In merito alla scelta della pediatra Paola Murgia a Porto Torres si precisa che nella giornata di ieri lo sportello di Andriolu ha evaso quasi 60 pratiche; a pochi chilometri di distanza, nel comune di Sorso, ne sono state evase circa 70; a Perfugas circa 15; a Castelsardo circa 60; e l’ufficio di Sassari, tra sportello e mail, ha lavorato oltre cento richieste. Per un totale di circa 350 quote assegnate alla dottoressa Murgia nella sola giornata di ieri. Questo dimostra come tutto il personale dedicato allo sportello ha lavorato a pieno regime per garantire il servizio alla popolazione, e che quest’ultima, anche accogliendo l’invito della Asl, si e’ suddivisa equamente nei vari sportelli o inviando la mail, andando così a limitare i disagi.

Tra oggi e domani, la direzione del Distretto di Sassari, garantisce che tutte le 880 quote del massimale spettanti alla pediatra verranno assegnate entro la giornata di domani, sono circa 500 le mail in fase di lavorazione dalla giornata di oggi: si ricorda che, come previsto dalla normativa, la fascia d’eta 0-6 anni ha una priorità nell’assegnazione del pediatra.

“Su Porto Torres si ricorda inoltre che, nelle more della definizione delle sedi carenti, la Asl di Sassari, aveva bandito un avviso di incarico provvisorio di pediatra di libera scelta, a cui e’ sempre possibile partecipare: ciascun pediatra che vi volesse partecipare può collegarsi al seguente link
https://www.aressardegna.it/ap/asl-ss-incarico-provvisorio-pediatria-libera-scelta-p-torres-stintino/), affermano dalla Asl di Sassari.

All’avviso per incarico provvisorio del medico di Medicina generale, bandito lo scorso 3 gennaio, hanno risposto due medici, uno dei quali ha già fornito la disponibilità a prender servizio nel comune turritano. Il Distretto di Sassari comunica alla popolazione che il nuovo medico prenderà servizio sin dalla giornata di lunedì 23 gennaio presso gli ambulatori di Andriolu: essendo un incarico provvisorio, le scelte verranno attribuite dal sistema Anax che rileverà i pazienti sprovvisti di medico, sino ad un valore massimo di 1.500 assistiti.

Si ricorda inoltre che, così come disposto dall’assessorato regionale, il massimale dei medici titolari e’ stato incrementato da 1500 a 1800 pazienti, quindi tra i 13 medici di Medicina generale presenti nell’ambito 1.2 del Distretto Socio-sanitario di Sassari, che abbraccia i comuni di Porto Torres e Stintino, vi sono ancora diverse disponibilità che possono esser verificati presso gli uffici scelte e revoche del Distretto.

Con l’arrivo del nuovo medico e l’incremento dei massimali, tutta la popolazione ricadente nell’ambito 1.2 del Distretto di Sassari dovrebbe avere l’assistenza sanitaria garantita dal Medico di Medicina Generale, che potrebbe anche accogliere quei bambini sopra i 6 anni che impropriamente si trovano assegnati al Pediatra di libera scelta.

Condividi l'articolo