Osilo, la Bruzzone sul bimbo abbandonato: “Sapere chi è il padre è importante”

punto nascita Alghero

La criminologa Roberta Bruzzone parla del caso del neonato abbandonato a Osilo.

Osilo è ancora incredula per la vicenda del neonato abbandonato dalla madre sotto un’auto dopo averlo messo al mondo. Dell’episodio si è parlato nel programma Ore14 su Rai2, dove in studio c’era anche la criminologa Roberta Bruzzone.

L’esperta di crimini si è interrogata sulla salute psicologica della madre, prendendo come esempio precedenti analoghi, dove donne e ragazze con disturbi della sfera mentale hanno nascosto e poi abbandonato o ucciso i loro figli appena nati. In studio sono state menzionate alcune ipotesi sul movente secondo cui la 29enne sia arrivata a nascondere una gravidanza, per poi sbarazzarsi del piccolo Francesco.

Ogni ipotesi è dunque aperta dietro questo fatto, secondo la criminologa. “Qui ci sono diversi scenari da considerare, per carità. Qui bisogna valutare chi è il padre, se extrafamigliare o endofamigliare, perché questo è un primo bivio. Come mai questa ragazza di 29 anni è arrivata al punto di negare una gravidanza? A 29 anni sei un’adulta, normalmente le infanticide sono giovani e inesperte. Come mai ha dovuto nasconderla? Chi è il padre è un parametro importantissimo per valutare la gravità della cosa e lo scenario in cui è maturato”.

In studio si ipotizza dunque che il bimbo sia frutto di un atto di violenza o di una relazione clandestina che avrebbe potuto generare scandalo e, dunque, potrebbe essere stata portata avanti di nascosto per questo, infatti nessuno in casa era al corrente della gravidanza della donna.

Condividi l'articolo